13
Mar
2017

Stefano Colli: “Giacomo Leopardi era il mio autore preferito”

Stefano Colli: “Giacomo Leopardi era il mio autore preferito”
Marco Zorzetto

Tesine.net intervista l'artista Stefano Colli 

Stefano Colli: “Giacomo Leopardi era il mio autore preferito”

Tesine.net intervista l’artista Stefano Colli: Si divide tra il palcoscenico teatrale e la sala di incisioni l’artista bolognese Stefano Colli, finalista di Castrocaro 2015. Attualmente impegnato nelle prove del suo nuovo spettacolo “Georgie il musical” che debutterà a Marzo, ci presenta il suo ultimo successo discografico “Crudele”,  che affronta una tematica poco percorsa, quella della crudeltà in amore: un pericoloso gioco tra la vittima e il carnefice fatta di  sfumature sonore latine, jazz e orchestra sinfonica, con un beat ipnotico e graffiante. 

Quale scuola superiore hai frequentato?
Ho frequentato il Liceo Scientifico Augusto Righi di Bologna.

Che rapporto avevi con la scuola?
Ho sempre avuto un ottimo rapporto con la scuola, mi ritengo fortunato perché mi sono trovato molto bene con tutte le classi di cui ho fatto parte. Al liceo ho trascorso alcuni dei momenti più belli della mia vita, ho dei ricordi fantastici, ne abbiamo combinate di tutti i colori!

"Secchione" o "Asino"...o via di mezzo?
Direi una via di mezzo... Il mio impegno variava molto a seconda delle materie: amavo storia dell'arte, spagnolo, letteratura e filosofia; ma detestavo matematica e disegno tecnico. Però avevo un gruppo di studio formidabile e ne siamo sempre usciti vincitori!

Il tuo diario era per scriverci i compiti oppure per scriverci tutto il resto?
Il mio diario era un vero e proprio campo di battaglia, insieme ai compiti c'erano le citazioni più "improbabili" dei professori, dediche, foto, battaglie navali, ahah... Pensate che li ho tenuti tutti e ogni tanto mi metto a rileggerli!

Hai un professore che ricordi con particolare simpatia?
Il mio professore di Italiano che mi ha fatto scoprire e amare Leopardi e le mie prof. di filosofia e spagnolo che hanno promosso un bellissimo e stimolante progetto di scambio con una scuola spagnola a Madrid.

Sei in contatto ancora con qualcuno dei tuoi ex compagni di classe?
Sono ancora in contatto con molti dei miei ex compagni di classe e circa una volta all'anno cerchiamo di ritrovarci tutti, operazione non facile visto che ormai siamo tutti sparsi per il mondo, grazie alle famose "cene di classe" organizzate dalla nostra storica rappresentante Silvia! Tra l'altro molti di loro si sono realizzati in diversi ambiti artistici: cinema, teatro, musica, blog.

Pensi che l'universo scolastico ti abbia aiutato a fare chiarezza su quello che avresti voluto fare da "grande"?
Nel mio caso direi proprio di sì, perchè è durante gli anni del liceo che ho scoperto la mia passione per la musica e per il teatro, iscrivendomi ad un corso pomeridiano di Musical, promosso dallo stesso istituto, tenuto da Lorenzo Scuda e Francesca Folloni, membri del noto gruppo comico-musicale "Oblivion". Da lì è cominciato tutto!

Università, l'hai frequentata? Se sì, cosa hai frequentato e il perchè di questa scelta, in alternativa cosa ti ha spinto ad abbandonare gli studi per avvicinarti al mondo del lavoro?
Sì, ho studiato Giurisprudenza all'Alma Mater Studiorum di Bologna per accontentare la mia famiglia, ma ho capito ben presto che la mia strada era un'altra e che volevo percorrerla appieno. La musica è diventata il mio lavoro, così ho deciso di sospendere gli studi e attualmente mi mancano cinque esami per laurearmi, ma ho intenzione di portare presto a termine anche questo percorso!

Parliamo del tuo ultimo lavoro, come nasce "Crudele"?
Inizialmente si chiamava “Love is in you” ed era un brano che Giancarlo di Maria, il mio attuale produttore artistico, aveva scritto con Paola Angeli e che aveva nel cassetto da un po’ di tempo. Un giorno, mentre stavamo buttando giù nuove idee in studio di registrazione, me lo ha fatto ascoltare quasi per caso e io gli ho detto: “Questo pezzo è fortissimo, ci dobbiamo lavorare!”. A questo punto, come vi dicevo prima, serviva un testo forte in italiano e grazie all’aiuto di Carlo Montanari è nata “Crudele”, che Giancarlo ha saputo impreziosire con un mix di ingredienti che spaziano fra varie sonorità, latine, jazz, swing e orchestra sinfonica, con un beat ipnotico e graffiante.

Quanto c'è di autobiografico in "Crudele" ed in generale nelle tue canzoni?
In generale c’è molto di autobiografico nelle mie canzoni, per quanto riguarda “Crudele” nello specifico, si parla della crudeltà in amore, che è di chi conduce il gioco ma anche di chi accetta una situazione univoca in cui morbosità e alienazione tolgono spazio alla realtà e ai veri sentimenti. Un sottile confine, quello tra vittima e carnefice, in una storia d’amore che si costruisce e si vive in due. Sicuramente descrive una situazione un po’ estrema, ma quando Carlo Montanari mi ha fatto leggere il suo testo, ho ritrovato subito similitudini con storie passate che ho vissuto: a chi non è capitato di innamorarsi senza essere corrisposto e urlare dentro di sé “sei crudele, amami”!?

La tua esperienza professionale più emozionante ad oggi?
Me ne vengono in mente tante, ma una su tutte la mia esibizione su Rai1 al Festival di Castrocaro 2015. Arrivare tra i 10 finalisti dopo mesi e mesi di selezioni e suonare accompagnato dall’Orchestra della Rai diretta dal M°Palatresi è stata un’emozione unica, non dimenticherò mai quella serata.

Con chi duetteresti?
Devo proprio scegliere!? Ho sempre amato i duetti. Attualmente però devo ammettere di avere le idee abbastanza chiare: il mio sogno sarebbe duettare con Malika Ayane e Michael Bublè!

Cosa manca al giorno d'oggi alla musica italiana? 
Io ho sempre seguito e apprezzato la musica italiana, non sono mai stato particolarmente “esterofilo”, pur ascoltando ed interessandomi alle varie influenze musicali provenienti dal resto del mondo. Uno dei miei cantautori italiani preferiti, ad esempio, è Niccolò Fabi, artista dotato di una rara sensibilità e originalità nella scrittura. Questo per dire che, secondo me, alla musica italiana non manca proprio nulla: di talento ne abbiamo davvero tanto. Forse quello che manca, a volte, è un po’ di coraggio da parte degli addetti ai lavori nell’investire su proposte/progetti meno “prevedibili” e rassicuranti e un po’ di curiosità da parte del pubblico nei confronti della musica emergente.

Preferisci scrivere i tuoi testi o ti vedi di più come interprete?
Mi piace molto scrivere, ma sono sempre aperto a qualsiasi tipo di confronto e collaborazione, credo siano importanti, stimolanti e soprattutto fondamentali per la crescita artistica di una persona. Quando Carlo Montanari mi ha proposto il testo di “Crudele”, sono rimasto subito molto colpito, mi ha conquistato alla prima lettura e mi sono detto: “non avrei saputo scrivere di meglio!”.

Porti avanti più progetti contemporaneamente, musical e pop, a quale genere senti di appartenere maggiormente?
Credo si tratti di due linguaggi diversi, due modi diversi di comunicare e non potrei  assolutamente rinunciare a nessuno di questi. Infatti, mentre mi sto dedicando alla promozione di “Crudele” e sto lavorando a pezzi nuovi, a Marzo partirò con la tournée di un nuovo spettacolo teatrale tutto italiano “Georgie il Musical” ispirato alla novella di Mr. Mann Izawa.

I tuoi progetti per il 2017?
Ci sono tanti progetti in ballo per questo nuovo anno in diversi ambiti. Il 2016 mi ha permesso di formare un grande team di professionisti intorno al mio progetto, spero nel 2017 di continuare a lavorare in questa direzione e proseguire il percorso che abbiamo appena cominciato, fino ad arrivare a pubblicare il mio primo album.

 



 Ultime dai Forum

  • Orientamento! ...
    Ciao a tutti!

    Nella categoria di corso Preparati ai test di Orient@mente sono stati pubblicati tre nuovi corsi
    ...
  • Offro aiuto per fare tesine ...
    dovrei svolgere una tesina su "le servitù prediali nell'ottocento". Come potresti aiutarmi? ...
  • tesina ...
    ragazzi mi serve una tesina(tecnico-commerciale)..le materie sono
    inglese
    italiano
    ec aziendale
    matematica
    informat
    ...
  • AIUTO TITOLO TESINA ...
    Come argomento ho scelto il distacco dalla tradizione e parlo di movimenti che si sono distinti in particolar modo
    Non
    ...
  • Tesina maturità, aiutooo.? ...
    Salve a tutti, frequento il liceo delle scienze applicate e come argomento di tesina ho scelto: "la cecità ...
  • TESINA GEOMETRI ...
    Ho delle idea confuse e non riesco a capire se hanno un senso
    Aiutoooo
    ...

 Ultime tesine e appunti caricati

Seguici su:
Seguici su FacebookSeguici su Twitter

 

© Tesine.net è una testata giornalistica online registrata al Tribunale di Ferrara con autorizzazione n. 4/11 del 10 maggio 2011 - Partita IVA: 04304390372

Powered by Pigreco ver. 4.226